CeNTRADe
  home | band | discography | live! | links |
AMAMIANTO (2005)
Enrico Gnocato - voce
Oscar Berti - testi, chitarre acustiche
Federico Nasato - chitarre elettriche
Gianandrea Moro - tastiere
Gianni Billio - basso
Luca Degli Esposti - batteria
Amamianto = Amore e amianto. Fa male, penetra nei tessuti e lascia poche vie di scampo. Toglie il respiro, aumenta i battiti cardiaci. Fa splendidamente bene, distrugge e rigenera.Logora. L'Havana è una discarica di amamianto. Signorancora racconta un pianto, un lamento. Quattordici tracce e un silenzio, da inspirare, sospirare e amare. Splendidamente.>

Le foto dell'album sono curate da Danilo Maraschi, fotografo e scrittore pavese, che da tempo collabora con la band nel catturare le vicende e le intenzioni dei CeNTRADe. La cover di amamianto è la sua particolare lettura del significato generale che la band ha voluto dare al disco. Paura del presente, ma allo stesso tempo speranza nel futuro. Un immagine incredibilmente pura, intensa. La maternità, la voglia di amare.
1. Apri i Tuoi Occhi!
2. Non Te L'ho Detto Mai
3. Vieni Almeno a Sorridermi
4. Stereo
5. Signorancora
6. Maledetto Luca
7. Giorni Splendenti
8. Chiedi Ai Fantasmi
9. Disintossica
10. Solubile
11. Sei Qui
12. Voci
13. Segni Sulla Pelle
14. 0'20''
15. Il Pendolo
Apri i Tuoi Occhi!
(testo: Oscar - musica: Galliano Borsato)

Ti alzi ed in pochi secondi
sei fuori dal mondo
sei fuori dal gioco
e ti è naturale
pensare di avere
un posto migliore in un mondo migliore
lontano da qui.

Alteri le tue funzioni
trasformi la vita
in mille altri modi
ed è naturale
è un modo di fare
volevi qualcosa che adesso non trovi
ma è dentro di te!

Apri i tuoi occhi, è solo un’idea!
Il mondo è diverso, è diverso da qui

Apri i tuoi occhi e respiri
questa soluzione
di amianto e parole
ed è naturale
pensare di avere
un posto migliore in un mondo migliore
lontano da qui.

Scendi da mondi distanti
tra uomini radar
che guidano il mondo
tu credi di avere
controllo totale
ma in questo pianeta sei solo
una piccola parte di noi...

Salvi dal fuoco nemico
dissolti in un cielo
che non è più nostro
non è naturale
sperare di avere
un posto migliore in un mondo migliore
lontano da qui.

Apri i tuoi occhi, è solo un’idea!
Il mondo è diverso, è diverso da qui
Apri i tuoi occhi, è solo un’idea!
Il mondo è diverso, è diverso da qui
Non Te L'ho Detto Mai
(testo: Oscar
musica: Dex-Fede-Giaz-Oscar-Già)

Odio i meccanismi che
portano a combattere
siamo spesso al limite
E la tua convinzione mi confonde
come se dovessi uccidere.
Mi lavo le mani e i pensieri
per dimenticare i lividi
Ma cambieranno gli anni!
Dio ci benedica per la vita!

No, non siamo unici
troppo spesso controlliamo
i battiti
E d’un fiato sputiamo la vita
a conflitti lontanissimi
Ma ancora beviamo e brindiamo
alle nostre consuetudini!
Ma cambieranno i tempi
Dio ci benedica per la vita!

Non te l’ho detto mai!
Spero solo che non sia finita
Non te l’ho detto mai!

Odio i meccanismi che
non ti fanno ammettere:
"sono proprio uguale a te!"
Speri in una fabbrica
che costruisca identità
ma è un’illusione ottica
Reale è chi vive nel cuore
delle nostre consuetudini!
Non cambieranno i tempi
Ma in fondo cosa perdi?
Dio ci benedica in questa vita!

Non te l’ho detto mai!
Spero solo che non sia finita
Non te l’ho detto mai!
Dio ci benedica in questa vita!
Vieni Almeno A Sorridermi
(testo: Oscar
musica: Oscar-Dex-Fede-Giaz)

Come si fa a ricordare
come si fa a non capire
quando è il momento di andare
e prender tutto per ridere.
Perchè la vita è una maschera
che non traspare i pensieri
ma qualche volta si libera
e ti fa stare più male.

Vorrei aver detto “fermati!”
e prometterti, prometterti...
e poi magari illuderti
ma è tanto averti chiesto:
"Vieni almeno a sorridermi!"

Com'è che adesso ti penso
in qualche posto confuso
dove hai più voglia di ridere
dove hai più voglia di vivere?
Tu che hai preso tutto sul serio
e nel momento migliore
ti sei levato la maschera
e non riuscivi a parlare.

Vorrei aver detto “fermati!”
e prometterti, prometterti...
e poi magari illuderti
ma è tanto averti chiesto:
"Vieni almeno a sorridermi!"

Nuota! Nuota!
Nuota! Nuota!
È la vita che ruota! Ruota!
È la vita che ruota! Ruota!

Vorrei aver detto “fermati!”
e prometterti, prometterti...
e poi magari illudermi
ma è tanto averti chiesto:
"Vieni almeno a sorridermi!"
...è la vita che ruota...
 
torna all'indice

 
Stereo
(testo: Oscar - musica: Fede-Già-Oscar)

Lei lo detesta quel maledetto stereo
e dice che non parlano di noi
lei pensa solo che c’ignorano
Ha mal di testa, dice “Non passa è un male cronico”
e poi si veste come ad una festa
ma chiude il mondo in un armadio

Lei lo detesta quel maledetto stereo
e dice che è una festa nella sua testa
e solo lei lo sa.
Loro la studiano
Nascosti dietro ad un video
Dicono “È giovane, giovane, giovane...”
”È solo stupida, stupida, stupida!”

Vedi ancora fiori nel tuo oceano?
Loro ti parlano
tu non rispondere
“Che cosa siamo?”
E non dimenticare più le tue promesse e i sogni
non sei un numero
E non è facile, facile, facile!

Lei lo detesta quel maledetto stereo
e gira in una camera, distratta va
dove la guida questa musica.
Loro la osservano e se lei piange allora ridono
E’ solo un meccanismo artificiale
che non fa male, è come respirare un po’.

Lei si diverte ballando al buio come un angelo
e mentre tutti vogliono guardare lei
lei si nasconde in una lacrima.
Loro la osservano
nascosti dietro a un video
dicono “È giovane, giovane, giovane!”
“È solo stupida, stupida, stupida!”

Credi a tutto quello che ti dicono?
Loro t’ingannano
non puoi resistere
“Che cosa siamo?”
E non dimenticare più le tue promesse e i sogni
non sei un numero
E non è facile, facile, facile!
Signorancora
(testo e musica: Oscar)

S’ignora ancora perché parli di noi?
Delle nostre domande tu che cosa ne sai?!
SignorAncora scrivi le tue poesie
e raccontale a un mondo che non parla di noi

Al "Santa Bona cinque stelle Motel"
c’è un tizio che fuma sigarette spente
e piange ancora sulle foto che ha
nascoste in fondo è ciò che pensa di Lei...

è l’unica via d’uscita
l’unica che è pazienza
in questa momentanea
interruzione di frequenza

Signora Ancora spero che cambierà
La vita è stretta in questa grande ironia.
Al "Santa Bona desiderio Motel"
c’è sempre quel tale che parla di noi
di noi, di noi...

Quello che di notte qui appare
al mattino scompare

S’ignora ancora perché parli con noi
hai le nostre speranze e qualche attimo in più
SignorAncora, io respiro così
come fossero ore questi attimi, attimi, attimi

Quello che di notte qui appare
al mattino scompare
Quello che al mattino scompare
di notte riappare!
Quello che di notte scompare...
Maledetto Luca
(testo: Oscar - musica: Dex-Fede-Giaz)

“Ti presento Luca” e poi,
è sparita insieme a lui per due ore...
io che odiavo stare in mezzo alla gente
mi ritrovo in questo stupido posto.

Cerco la via di fuga, cerco un’uscita
tra le persone si presenta una tipa
mi parla e sfiora ad un centimetro appena
“Ci conosciamo?” dico “Amica sei scema?”

Sia maledetto, maledetto Luca!
Sia maledetta pure la mia amica
che mi ha portato all’Havana!

C’è nel locale questa banda che rotola
mi gira intorno, sento il cuore che sgomita
“Posso suonarti qualche cosa di elettrico?”
“Io devo uscire e poi non amo la techno-pop”

Ero confuso, stanco e pieno di drum’n bass
cercavo Luca, e poi l’uscita, “Dov’era lei?”
A questo punto si modifica l’aria
inizia il ritmo della musica del deejay

Sia maledetto maledetto Luca!
che mi ha portato alla festa
e quelle quattro puttane
che continuano a bere
e che mi fanno più male!

Vi sentite gli unici,
a cercare quella cosa che conta
ha quel sapore che vi piace abbastanza
ma non è l’effetto della vita che danza!

Sia maledetto, maledetto Luca
Sia maledetta questa notte assurda
Sia maledetto maledetto Luca
sia maledetta pure la sua amica
che mi ha portato all’Havana...
Maledetto Luca!
 
torna all'indice

 
Giorni Splendenti (ReDexed)
(testo: Oscar - musica: Oscar-Dex)

Qui, qui passano le macchine
e mentre ti distraggono
io non so più chi sei
E mi aggrappo ad un telefono
che suona vecchie musiche
e non ci penso più, per un po’
Ma non ti nascondo
che sembrano distanti
le notti che anche tu vivevi
come giorni splendenti!

Si, ma credi ad altre cose
e non mi fai pensare
a quelle più normali che ho
Qui, qui passano le macchine
e a volte mi confondono
e attraverserei la strada
Giù fino all’inferno
e poi mi nascondo
in quelli che io credo
i miei giorni splendenti!
E nei giorni più speciali
mi prendevi le mani
dicevi ch’eravamo grandi
che eravamo splendenti!

Qui, qui passano le macchine
fermarle è ormai impossibile
io resto ancora qui
io resto ancora qui
io resto ancora qui!
Chiedi Ai Fantasmi
(testo: Oscar
musica: Dex-Fede-Già-Oscar)

Se non lo sai,
chiedi ai fantasmi
loro ti vogliono bene
Non giochi mai
con i tuoi sogni
sarà tutto migliore
Dormi appena
e tremi sola
sei continuamente tesa

Baciami, rilassati
e la tua tesi crescerà
Pianteremo insieme i fiori
e basta sedie di lillà!

Penseremo solamente
all’aria e alle sue geometrie
sul divano bianco che hai voluto tu

Non siamo noi
i tuoi fantasmi
non devi avere paura
Non giochi mai
con i tuoi sogni
il mondo lo puoi cambiare se vuoi
Studi ancora
o vieni fuori?
Hai bisogno di giorni migliori

Baciami, rilassati
e la tua tesi crescerà
Pianteremo insieme i fiori
e basta sedie di lillà!

"Venceremos adelante"
griderai alla follia
senza avere voglia di fuggire via

Penseremo solamente
all’aria e alle sue geometrie
sul divano bianco che hai voluto tu!
Tu non lo sai Bu! ...chiedi ai fantasmi
Disintossica
(testo: Oscar
musica: Dex-Fede-Giaz-Oscar)

E non c’ero solo io
e non c’eri solo tu,
non cadere dalle nuvole!
Posso diventare te
tu puoi diventare me,
ma non cambierai le cose!

Passerà questa follia
ma non cambia se vai via
è la vita e non puoi controllarla mai

Qui, le cose non ci appartengono
ti senti felice e scompaiono
e tutto si perde in un attimo.
Ma, stanotte non ho dormito mai,
nel buio cantavo “Lorelei”
e tutto sembrava più semplice

E sarà una giornata splendida
di quelle che quando capita
ti sembrerà troppo logica!
Basteranno gli occhi tuoi
a convincermi che sei
l’unica cosa che mi disintossica

Dimentica, dimentica
di lei, la sua mediocrità
la gente che si crede Dio
in questo mondo credo anch’io!
Dimentica, dimentica
sorridi a questa musica
se poi ti viene facile
dimentica le nuvole!

E sarà una giornata splendida
di quelle che quando capita
ti sembra fin troppo limpida!
Puoi far finta che non sai
posso illudermi che sei
l’unica cosa che mi disintossica!
 
torna all'indice

 
Solubile
(testo: Oscar - musica: Oscar-Già)

Mi chiedo, l’hai tenuto
il ritmo che avevamo dentro
o hai bloccato la tua mente
per non darle più tormento
Adesso non deviare
puoi colpire le parole
puoi capire se c’è spazio
nella vita, per il sole

Chissà se sei
solubile alle controindicazioni
che ha la vita quando nevica
e puoi stare solo fuori
quando tu dicevi
che ogni verbo era diverso
che bastava dargli un senso
ed è bellissimo lo stesso

Ale non dorme più, Ale non parla più
Ale non sogna più, Ale non torna

Ale non condanna
non ha voglia di gridare
vive una casa
dove ha smesso di lottare
Di fumare invece ha voglia
e poi gli brucia dentro
aver capito un attimo
e aver perso tutto il tempo

Crede nelle cose
in cui non crede più nessuno
ma cade nello stesso errore
di essere poi solo
Questa notte Ale, invece
perde la sua testa
e resta chiuso in fondo
ma alla fine cosa resta?

Ale non torna più, Ale non parla più
Ale non sogna più, Ale non basta

Ale non torna più

Sembra la realtà
non gioca ma
lo sa
lo ucciderà...
Sei Qui
(testo e musica: Oscar)

Non so perché sei qui,
non so se sei cosciente
non ti accorgi che
è irreparabile
Io ti aspettavo qui
e avrei sperato quanto!
Tu oggi torni e
vorresti chiedermi
"tu come ti senti? Baby!"

Penso che anch’io alla tua età
avevo quell’ingenuità
prendevo quello che veniva
e mi perdevo in un bicchiere.
Ma adesso che siam chiusi qua
tra queste quattro bianche mura
ti vedo bella come sei.
Ma devo illudermi o morire?
"Come ti senti? Baby!"
Tu! come ti senti?

Poi
mi hanno detto che sei
sei caduta dal cielo,
che sei ritornata ed hai chiesto di me.
E hai,
mi hanno detto che hai
Hai un mondo migliore,
che sei finalmente contenta di te!

Non so perché sei qui
ormai che siamo niente.
Non lo vedi che
è tutto inutile?
Tornare insieme a te,
come se fosse niente
tu oggi torni e
vorresti chiedermi
“Tu, tu cosa pensi?...baby...”
Io resto se resti...

Poi
mi hanno detto che sei
che sei caduta dal cielo.
Ma so che sei molto più forte di me!
E hai,
hai coraggio bambina,
hai negli occhi qualcosa
ma so che stavolta non mi troverai?
Voci
(testo: Enrico, Oscar
musica: Dex-Fede-Giaz)

Di che cosa hai paura?

Mai!
non devi dire “mai”
o sola resterai
nel buio che non sai capire
Mai!
non devi urlare mai,
non devi dirlo mai
non devi entrare nella mia mente
E
nascondi le tue paure
in mille sacre maledizioni
e i respiri che non controlli sono tuoni!
Mai!
non devi avere mai
paura di quello che sei
qualsiasi cosa sei... respiri!

Voci, voci nella mia mente
[Voci!
confuse ritornano sempre
le mani mi vanno distante,
sola rimane la mente,
potevi dire..]
Voci, voci,nella mia mente
[Voci!
nell’aria profumano mentre
rimbalzano e vanno distante,
rapidi sguardi e ricordi,
potevi dire...]

Questa notte
penso a te
a quello che ci succederà
alle tue stanche visioni del mondo
alle nostre banali reazioni

Mai!
non devi urlare mai
non devi dirlo mai
non devi entrare nella mia mente.
Guardami, voltati
lasciami entrare, vivimi
fermati, ascoltami
non senti voci, voci, voci...

Voci, voci nella mia mente
[Voci!
rimangono impresse per sempre,
stringi il mio cuore è importante,
sola rimane la mente,
potevi dire...]
Voci, voci,nella mia mente
[Voci!
rimbalzano nella mia mente,
rimani qui accanto un istante,
rapidi sguardi e ricordi,
potevi dire...]
potevi dire...
 
torna all'indice

 
Segni Sulla Pelle
(testo e musica: Oscar)

Siamo segni sulla pelle
siamo vinti dalle guerre
siamo tracce sulla neve
siamo un Dio che non si vede

Eravamo sulla riva
con il vento sulla schiena
quando un piccolo dolore
ci ha devastato il cuore

Siamo segni sulla pelle
siamo vinti dalle guerre
quanto avremo da capire
prima di poter morire?

Siamo giovani per bere
siamo sete di potere
quanto avremo da capire
prima di poter dormire?

Siamo gente che non vede
cosa siamo senza fede
Siamo rabbia, siamo vento
solo un tiepido tormento!

Siamo gente che non vede
cosa siamo senza Fede
Siamo rabbia siamo vento
solo un tiepido tormento

Forse un giorno chi lo sa?
cercheremo l’anima

Forse un giorno chi lo sa?
troveremo un’anima

cercheremo l’anima...
troveremo un’anima...
0'20''

...pausa caffè...
Il Pendolo
(testo: Oscar - musica: Dex-Fede-Giaz)

Quando arriverai, quando arriverai?
fa lo stesso ma mi chiedo quando arriverai
quando ti fa comodo, tanto non hai fretta, no
Non ti scomodo, vieni, vieni quando vuoi!

Fai la confessione, dai benedizioni
"Quanto sale deve sciogliersi nel mio bicchiere?"
E hai la soluzione ma ci devo stare
"Quali numeri mi servono per l’erezione?"

Mavaffan...

Parlano, ridono, piangono e cantano
ecco tutti i morti per me!
Ballano nell’angolo, mi chiamano e svalvolo!
Parlo con i morti, perché?

Che bea quea toseta coi biondi cavei
che parla de questi, che ride de quei
dal mondo dei morti a me manda i baseti
a dixe che sabo xe il numero venti
Che bea quea toseta che varda de qua
dal mondo dei morti, sentada de là
dal mondo dei morti a me manda i baseti
a dixe che sabo saremo contenti!


Quando arriverai? Dimmi quando mai!
Non capisco ma mi chiedo come diavolo fai?
Vai in televisione e hai la Range-Rover
e la gente che ti chiama anche da Corleone!

Parli con mia nonna sì, parli fino a lunedì,
la Madonna nel giardino piange Vinavil®
E hai la soluzione, me la devo bere
Quali amori mi regali con la tua pozione?

Dove gira il pendolo?
verso un mondo che non so
sento voci: chiamano!
Adesso no!
Dove gira il pendolo?
verso un mondo che non so
sento voci: chiamano!
Adesso no!
Adesso no.
Adesso no.
Adesso si!
 
torna all'indice

 
Produzione Artisitca: Andrea De Marchi
Produzione Esecutiva: CeNTRADe e Virtual Studio
Registrato, mixato e masterizzato presso: Virtual Studio di Treviso
da Andrea De Marchi tra maggio e ottobre 2005
Foto: Danilo Maraschi
Grafica: Gianni Billio

Hanno inoltre partecipato e suonato:
Andrea De Marchi: Pro Tools, percussioni, Programming, Hammond su "Maledetto Luca" e batteria su "Il Pendolo"
Alberto Marenco: basso su "Il Pendolo"
Silvio De Marchi: chitarra elettrica su "Il Pendolo"
Alberto Cantone: voce dall'aldilà su "Il Pendolo"


I CeNTRADe ringraziano:
Andrea De Marchi per le sue infinite imprecazioni e la smisurata passione che ci ha dedicato in questi tempi
Danilo Maraschi per averci catturato in tanti momenti
Alberto Cantone perchè viaggia sulle nostre frequenze
Diego Liziero e le sue bionde
Don Siro perchè ci ospita nella “Casa per i Figli del Popolo”
Alle nostre famiglie e ai nostri amici.
All content ©2000-2009 CeNTRADe. - All rights reserved. Unauthorized use stricltly prohibited. Per contatti: info@centrade.it