CeNTRADe
  home | band | discography | live! | links |
ATTRAVERSO LUCI SPENTE (2001)
Enrico Gnocato - voce
Oscar Berti - basso
Federico Nasato - chitarre elettriche
Gianandrea Moro - tastiere
Luca Degli Esposti - batteria
1. Intro
2. Disteso
3. Sempre
4. Quattro
5. Poi
6. Viola Orchidee
7. Leggero
8. Inverno '99
9. Sei Quella Che Sei
10. Poi (instrumental)
Disteso
(testo: Oscar – musica: Oscar)

Quando sei disteso dormi
E non dormi mai abbastanza
C'è qualcosa che ti tiene qui

E ti portano via idee importanti
Il giorno chiuse dentro te
In my brain

Ah! Sembra facile
Disse ridendo my mother
Ah! Se giocassi un po’
Capiresti benissimo che...

Quando sei disteso dormi
E non dormi mai abbastanza
C'è qualcosa che tiene qui

E ti portano via pensieri grandi
Il giorno chiusi dentro te
In my brain

No, non è facile, no, no!
Andare contro il sole ad occhi aperti
No, non è facile, no, no!
Andare contro il sole ad occhi aperti
No, non è facile, no, no!
Andare contro il sole ad occhi aperti
No, non è facile, no, no!
Andare contro il sole ad occhi aperti

Eh!
Disteso, disteso
Disteso
Di nuovo qui con te
Eh!
Disteso, disteso
Disteso
Di nuovo qui con te
Sempre
(testo: Oscar – musica: Oscar)

Ho visto solo John
Ridere di me
E non lo vedo più
Ed è difficile per chi
Continua a correre
E non si volta mai
Ho visto solo John
Ridere di me
E non lo vedo più
Perché continua a correre
E non si ferma...

Sempre!
Non puoi ridere sempre
Non puoi ridere se
Se
Se non ci fosse...

Ho visto solo John
Ridere di me!

Sempre!
Non puoi ridere sempre
Non puoi ridere se
Se
Se non ci fosse niente
Non puoi ridere sempre
Non puoi ridere se
Se
Se non ci fosse...

Ho visto solo John
Ridere di me
E non lo vedo più
Ed è come disordine
In mezzo a un vortice
E non sai più chi sei

Dio non ti confonde mai attraverso luci spente
Attraverso luci spente
Attraverso luci spente
Dio non ti confonde mai attraverso luci spente
Attraverso luci spente
Attraverso luci spente...

Sempre!
Non puoi ridere sempre
Non puoi ridere se
Se
Se non ci fosse niente
Non puoi ridere sempre
Non puoi ridere se
Se
Se non ci fosse...
Quattro
(testo: Oscar – musica: Oscar)

Alle quattro di mattina
Lungo steso su una panca
Preme un pulsar nelle tempie
Sento l'aria che mi manca.
E vedo il giro dei migliori
Più veloci sulle gambe
Mentre io respiro a stento
Questo fumo di domande:
"Chi siete?"

Mi alzo in piedi e punto fuori
Ma ho cemento nelle neve
Spingo un passo contro il bianco
Che ha capito che sto male
E che mi può far confessare
Le 14 parole
Stese un lungo foglio fine
Mi sarebbero fatali
"Chi siete?"

E se non fossimo caduti
Sentiremmo ancora
Le voci degli altri

Treviso ha preso le distanze
Ma lo steso mi travolge
Sono perso e ritrovato
Lungo l'argine di un sogno
E vedo due di tagli magra
Nella via che porta a casa
Sono troie o sono angeli
Che volano radenti
"Chi siete?"

E sento piangere mia madre
Perché ha visto i miei vampiri
Riconoscermi di giorno
E ha capito che sto male
Che ho la sabbia nella testa
E mi pesa un 2+2
E avrei voglia di dormire
E svegliarmi più lontano
"Chi siete?"

E se non fossimo caduti
Sentiremmo ancora
Le voci degli altri
E se attraverso luci spente
Mi confusi per sempre
E se attraverso luci spente
Mi confusi per sempre...
 
torna all'indice

 
Poi
(testo: Oscar
musica: Oscar – Enrico -Gianandrea)

Nuvole cariche
Sul cielo distante
Bevuto il tè con Ki
Mi siedo sulla collina
Dove riposerò
Le gambe e i miei pensieri
Per poi averne
Di nuovi e di ieri.

Il cielo adesso
È più grigio di prima
Neanche mi alzo
E già piove da un'ora
Riflessi lenti
E gocce di metallo
Sui capelli
Per risciacquare i miei pensieri.

Ho detto provo a lasciare correr via
Ma mi fai pensar male
Chi mi ha svegliato
Non da segno
Ma io so dove cercare

Ho detto provo a lasciare correr via
Ma mi fai pensar male
Chi mi ha svegliato
Non da segno
Ma io so dove cercare

Nuvole cariche
Attraverso luci spente
Viola Orchidee
(testo: Oscar – musica: Oscar)

Cosa pensi?
Cosa pensi?

Anna è malata
Dice "Sono fragile!
Perché parlo
Con le mie viola orchidee!"

Perché parli con le tue viola orchidee??
Leggero
(testo: Oscar – musica: Oscar)

Hei!
Hai
Male considerazione
Nella tua cerchia
C'è solo un traditore
Io, io

Guardami
Voltati
Siamo nella nebbia e non ci vedi
Dire mai mai
Poco tempo ci rimane
Io, io

Dì come vedi il tempo?
Sereno! Sereno!
Come ti senti adesso?
Leggero! Leggero!

Noi
Uomini fedeli
Siamo uniti come corde
Sei il capitano solo
Mi diverte a farti male
Ma io, io

Dì come vedi il tempo?
Sereno! Sereno!
Come ti senti adesso?
Leggero! Leggero!

Dì come vedi il tempo?
Sereno! Sereno!
Come ti senti adesso?
Leggero! Leggero!
...
 
torna all'indice

 
Inverno '99
(testo: Oscar – musica: Oscar)

Neve sono sommerso da te
Fuori sei pallida come me
Luci bianche infinite
Lungo questi miei passi incerti

Sono lontano da elettriche notti
Passerò l'inverno a parlare di lei
Contro il soffitto si schianta stanotte il mio mondo
Sono sorpreso a parlare di qualche anno fa
Di qualche anno fa
Di qualche anno fa

Sento voci in un attimo e tu
Chiedi nella mia mente un addio
Quasi torno ai pensieri soli
Lungo questi miei passi corti

Vedo stelle in un vortice di idee
E chiedo un minuto per restare qui
Se all'improvviso i contatti si fossero interrotti
Avrei perduto con loro l'inverno con te
L' inverno con te
L' inverno con te
Sono lontano da elettriche notti
Passerò l' inverno a parlare di lei
Contro il soffitto si schianta stanotte il mio mondo
Sono sorpreso a parlare di qualche anno fa
Sei Quella Che Sei
(testo: Oscar – musica: CeNTRADe)

Penso solo al lento
Scorrrer via dei lunapark
Che mi affollano i pensieri
Dove prima c'eri tu
Le giornate che si svuotano
E non so se ridere o no
Prendo fiato e penso solo
Alla realtà
Dormi sola e chiusa
Nel tuo mondo acrilico
Tra parole e sogni
Spesso annego senza te
Qui le macchine non passano
E non so se ridere o no
Fumo stanco e Penso ancora
Alla realtà…

Perché sei quella che sei
Nei giorni eccezionali
E in quelli meno buoni
E ti senti dentro forte e indistruttibile
E governi la tua mente

Penso solo al lento
Scorrrer via dei lunapark
Che riaffollano i parcheggi
Dove adesso dormi tu
Queste strade si rivestono
E non so se resto qui
Prendo fiato e penso solo
A come sei…

Perché sei quella che sei
Nei giorni eccezionali
E in quelli meno buoni
E ti senti dentro forte e indistruttibile
E governi la tua mente

Penso solo al lento
Scorrrer via dei lunapark
 
torna all'indice

 
Produzione Artisitca: CeNTRADe
Produzione Esecutiva: Enrico Gnocato e Luca Degli Esposti
Registrato presso: Virtual Studio di Treviso
da Andrea De Marchi con l'assistenza di Silvio De Marchi tra marzo e aprile 2001
tranne "Disteso" e "Inverno '99"
registrate presso: Recall di Fiorenzuola (PC)
da Paolo Trabucchi con l'assistenza di Angelo e Walter Mucchiut nel maggio 2000.
Mixato da Andrea De Marchi e CeNTRADe nell'aprile 2001.
Masterizzato da Andrea De Marchi e stampato presso A.U.A. Records di Tarcento (UD).
Design, Fotografie e Artwork: CeNTRADe

Hanno inoltre partecipato e suonato:
Eleonora Severin: violini in "Quattro","Leggero" e "Poi" - voce in "Viola Orchidee"
Andrea De Marchi: pianoforte in "Sempre"
Silvio De Marchi: chitarra acustica in "Sei Quella Che Sei" e "Disteso"


I CeNTRADe ringraziano:
Brunetto e tutti i fans,Diego Liziero,Andrea De Marchi per la pazienza e le imprecazioni,
la fam. Berti per la smisurata ospitalità, Carlo Rigoni della Rainbow Management,i Rapsodiva,
Mirko dei "La Sezione Errante",Alberto Cantone,Mattia Massolin,
il Progetto Giovani per il loro aiuto, in particolare Mauro,il maestro Antonio Disco, Johnny e lo staff dell'Orocolato.
All content ©2000-2009 CeNTRADe. - All rights reserved. Unauthorized use stricltly prohibited. Per contatti: info@centrade.it